martedì 14 febbraio 2006

Metti un giorno, San Valentino...


Anni fa, alcuni di voi lo sapranno, mi invaghii di una simpatica ragazza francese. La vidi un paio di volte (di cui una all'aeroporto con tanto di regali e rosa rossa, il giorno della sua partenza... quanto ero giovane...), ma mi colpì. Maeva si chiamava (spero di averlo scritto bene).

Dopo quell'esperienza folle (il pomeriggio dopo essere andato all'aeroporto... avevo un esame che, guarda caso, non passai), iniziai a manifestare il mio amore per quel Paese di allegri mangia-rane da cui proveniva la brunetta. E lo feci anche attraverso e-mail con, in allegato, bandiere francesi.
Il fatto strano - e inspiegabile - è che le e-mail arrivavano ai destinatari... con le bandiere in fiamme! Inutile dire che le immagini inviate da me non erano certamente quelle e poteva confermarlo anche l'oggetto di quei messaggi: "Non odio la Francia".

Ecco, tutta questa premessa per dire che... io NON odio San Valentino.

Proprio no.

1 commento:

Paulus Domus ha detto...

Ricordo anch'io quei giorni... forse perchè anch'io ci cascai con una che aveva il nome di una piantina. Ovviamente in FRancia tutto ha un effetto più dolciastro, ma voi chiamereste mai vostra figlia "Calendula" o "Valeriana"? cmq, dopo averel strappato qualche bcio e sparute email, sottoscrivo il messaggio d'amore e fratellanza con quegli allampanati errefloscia (da che pulpito!) dalle ciondolanti maniere!!!