mercoledì 29 ottobre 2008

Premessa e svolgimento

INTERVISTA A COSSIGA (23.10.08)

«Bisogna fermarli, anche il terrorismo partì dagli atenei» di ANDREA CANGINI - ROMA PRESIDENTE Cossiga, pensa che minacciando l`uso della forza pubblica contro gli studenti Berlusconi abbia esagerato? «Dipende, se ritiene d`essere il presidente del Consiglio di uno Stato forte, no, ha fatto benissimo.
Ma poiché l`Italia è uno Stato debole, e all`opposizione non c`è il granitico Pci ma l`evanescente Pd, temo che alle parole non seguiranno i fatti e che quindi Berlusconi farà una figurac- cia».
Quali fatti dovrebbero seguire? «Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand`ero ministro dell`Interno».
Ossia? «In primo luogo, lasciare perdere gli studenti dei licei, perché pensi a cosa succederebbe se un ragazzino rimanesse ucciso o gravemente ferito...».
Gli universitari, invece? «Lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città».
Dopo di che? «Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri».
Nel senso che...
«Nel senso che le forze dell`ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano».
Anche i docenti? «Soprattutto i docenti».
Presidente, il suo è un paradosso, no? «Non dico quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine sì. Si rende conto della gravità di quello che sta succedendo? Ci sono insegnanti che in- dottrinano i bambini e li portano in piazza: un atteggiamento criminale!».
E lei si rende conto di quel che direbbero in Europa dopo una cura del genere? «In Italia torna il fascismo», direbbero.
«Balle, questa è la ricetta democratica: spegnere la fiamma prima che divampi l`incendio».

OGGI (29.10.08) da Repubblica.it

11:18
Momenti di tensione a piazza Navona

Momenti di tensione tra alcuni studenti in piazza Navona. Qualche schiaffo e calcio è volato quando sono entrati in contatto alcuni esponenti del blocco studentesco che da stamane, insieme ai ragazzi dei licei romani stanno manifestando contro l'approvazione del dl Gelmini. Dalle prime ricostruzioni gli attimi di tensione, si sono avuti quando un camioncino dei giovani di destra ha tentato di lasciare la piazza lanciando slogan. A quel punto, dagli studenti sono nati dei cori come ''siamo tutti antifascisti'' e ''fascista carogna ritorna nella fogna''. I gruppi sono entrati così in contatto senza che, la polizia, sia intervenuta.

11:44
Roma, ragazzo picchiato: "Erano in dieci con caschi e cinture"

Se l'è cavata con un taglio alla testa Alessandro, il ragazzo del liceo Newton di Roma aggredito da un gruppo del blocco studentesco, sigla di estrema destra. "Ero davanti alla transenna da questa mattina. Improvvisamente mi sono venuti addosso in 10 picchiandomi con i caschi e le cinture. Volevano guadagnare la transenna per un'iniziativa politica ed io ho cercato di dire che dovevamo metterci d'accordo su qualunque manifestazione di questo genere. Per tutta risposta mi hanno colpito con un casco ferendomi alla testa".

12:17
Uds: polizia intervenga contro agitatori

Ci sono in piazza navona degli agitatori che con la violenza cercano di imporsi. Noi dalla piazza non ce ne andiamo ma chiediamo un immediato intervento delle forze dell'ordine. Così in una nota un portavoce dell'Uds.

12:25 Carica di alleggerimento della polizia a piazza Navona

Nuove tensioni in piazza Navona tra poliziotti e studenti. Sul lato di via della Cuccagna c'è stata, infatti, una carica di alleggerimento della polizia nei confronti di alcuni studenti universitari che cercavano di entrare sulla piazza. Alla fine, comunque, gli studenti sono passati. Davanti a via della Posta Vecchia, invece, stazionano poliziotti in assetto antisommossa che chiudono l'ingresso verso la piazza. Altri poliziotti sono schierati vicino alla fontana dei fiumi del Bernini.

13:02
Piazza Navona, la ricostruzione degli scontri

Prima un'aggressione isolata partita dagli studenti di destra per guadagnare la testa del presidio. Poi veri scontri, con tanto di lancio di tavolini, in piazza Navona, a pochi passi dal Senato, tra studenti di estrema destra e di sinistra, davanti ai turisti impauriti e l'immediata serrata dei negozi. Gli scontri si sono scatenati all'arrivo degli studenti del corteo degli universitari, tra cui alcuni esponenti anche dei centri sociali, arrivati nella piazza, dopo una tappa sotto al ministero.

13:02
Piazza Navona, la ricostruzione degli scontri 2

Prima dell'ingresso in piazza c'erano stati momenti di tensione perchè le forze dell'ordine, avevano creato una barriera. Poi dopo una trattativa il cordone delle forze dell'ordine ha permesso il passaggio degli universitari, circa 400, che hanno sfilato con le mani alzate. Subito dopo gli studenti si sono avvicinati al camioncino attorno al quale erano radunati i ragazzi di "Blocco Studentesco", di destra, e sono nati gli scontri.

13:03 Piazza Navona, la ricostruzione degli scontri 3

Per picchiarsi hanno usato anche tavolini e sedie dei bar circostanti. Poi la polizia ha formato un cordone per dividere le due fazioni. Alcuni studenti di Blocco Studentesco sono stati portati in Questura. Il bilancio, parziale, è stato di tre feriti lievi.


13:17 Vita: "Governo riferisca su scontri"

"Chiedo al governo di riferire in Aula su quanto è accaduto in Piazza alla fine della pacifica manifestazione degli studenti contro il decreto Gelmini". Lo ha detto nell'Aula del Senato Vincenzo Vita, senatore Pd. "Dopo una vivace e determinata protesta degli studenti sotto il Senato - ha proseguito Vita - si è assistito ad una provocazione vera e propria del cosiddetto Blocco studentesco, movimento che si richiama all'estrema destra, cui non a caso ha dato man forte Forza Nuova. Purtroppo tre studenti sono stati feriti e in modo non lieve. La polizia è intervenuta su espressa richiesta degli studenti che volevano proseguire pacificamente la loro manifestazione".

3 commenti:

Anonimo ha detto...

UNA MANIFESTAZIONE NATA CON DEGLI OTTIMI PRESUPPOSTI. SENSATA,PARTECIPATA, COLORITA,PACIFICA. IL GOVERNO SI è MOSTRATO IMPASSIBILE, RIDICOLO, SENZA CORAGGIO NEMMENO DI AFFACCIARSI AD UNA FINESTRA. COME SEMPRE SI RISCHIA SI BANALIZZARE UN MOVIMENTO REALE, SENTITO..SCONTRI INACCETTABILI, DEPLOREVOLI, SCHIFOSI. IO ED ALTRI COME ME(IN DIPENDENZA DEL POSTO) ABBIAMO VISTO UN UOMO CORRERE E RAGAZZI CON CATENE E CASCHI DIETRO.L'UOMO è STATO RAGGIUNTO, LA CATENA ANCHE LO HA RAGGIUNTO, SULLA TESTA.IO CHIEDO A QUESTA GENTE DI ANDARE A FARE IN CULO. MI TROVO A DISTANZA DI POCHE ORE ,NELLE QUALI ERO PARTITA CON GRANDE ENTUSIASMO, POSITIVITà E VOGLIA DI LOTTARE, DEL TUTTO AMAREGGIATA, DELUSA, ARRABIATA.IL GOVERNO SARà CONTENTO...NON SI PARLA SOLO DI GELMINI,MA COMUNQUE LEI E SUOI CARI COLLEGHI CHE SI DISTINGUONO PER IN-COMPETENZA, DOVREBBERO VERGOGNARSI,ANCHE SE NON LO FARANNO.DOVREBBERO RENDERSI CONTO DI QUANTO CONTRIBUISCANO ALL'ANNULAMENTO O PARLEREI MEGLIO DI CANCRENA, DECOMPOSIZIONE DELLA DEMOCRAZIA,PROCESSO GIà IN ATTO DA MOLTO,MA SICURAMENTE DIVENTATO ORA PALESE E INCONTESTABILE. SI VERGOGNINO, SI SENTANO IN COLPA,PERCHè DI COLPA NE HANNO MOLTISSIMA. IO DIREI CHE OGNI UOMO DEVE SAPER RICONOSCERE I PROPRI LIMITI, FAR DI TUTTO PER SUPERARLI, MA SAPERLI COMUNQUE RICONOSCERE. RICONOSCANO DI AVER SBAGLIATO MESTIERE, DI ESSERE IGNORANTI,MA SOPRATTUTTO INCOMPETENTI. MI VERGOGNO, RIBADISCO QUESTO TERMINE RIPETUTO PIù VOLTE, MI VERGOGNO DI CIò CHE L'ITALIA è. MI VERGOGNO DELL'IGNORANZA DELLE PERSONE CHE VOTANO. MI VERGOGNO DELL'ASSENZA TOTALE DI ETICA E DI PUDORE.MI VERGOGNO DI ESSERE IN UN PAESE A CUI PIACE METTERSI IN GINOCCHIO E FARSI PRENDERE PER IL CULO DA CHI FA SORRISI SMAGLIANTI E PROMETTE.MI VERGOGNO DI ESSERE RAPPRESENTATA DA TUTTI I POLITICI CHE SONO ATTUALMENTE AL POTERE(ANCHE GLI ALTRI SONO SICURAMENTE DISCUTIBILI E POCO CONVINCENTI). SONO AMAREGGIATA, NERVOSA, TRISTE. MI CHIEDO COSA SI DIRà, COME SI INTERPRETERà, COME SI RISPONDERà E CHE COSA REALMENTE VERRà FUORI. VADO A STENDERMI SUL LETTO, NELLA SPERANZA DI CROLLARE IN UNO STATO ATARASSICO IMPROVVISO, POTER DORMIRE PER ORE, SCROLLARE TUTTE QUESTE NUMEROSISSIME SENSAZIONI(ASSOLUTAMENTE NON DESCRIVIBILIA PAROLE)DI DOSSA.RIAPRIRE GLI OCCHI E TROVARE LA SPERANZA,LA FORZA,LA RAZIONALITà E LA VOGLIA DI CONTINUARE A CREDERE E LOTTARE, NEL RISPETTO DI TUTTI.

Carlo Del Grande ha detto...

Il commento più lungo della storia! :-o

Anonimo ha detto...

hai ragione, ma è stato scritto in un momento di crollo psicologico..un sfogo...e poi esiste chi è logorroico!!!